Categorie
musica streaming social media Spotify

Spotify Canvas diventa dinamico con Discover

L’Annuncio di Spotify di questa settimana è la fase beta della nuova funzione Discover, la possibilità per l’utente di navigare tra i vari brani scorrendo le Canvas in verticale.
Spotify Discover

Spotify si allinea alle scelte vincenti di TikTok, Instagram Reels e gli Short di YouTube offrendo questa nuova funzionalità che permette di scorrere in verticale i mini video o le immagini Canvas della piattaforma. La scelta dei soggetti da proporre viene fatta dal solito algoritmo che propone in base alle abitudini d’ascolto dell’utente. Tra breve questa nuova funzione apparirà nei prossimi aggiornamenti della app svedese.

L’uso della funzione è semplice: una volta entrati nella sezione Discover, il cui pulsante si troverà tra il tasto Home e il tasto Cerca, basterà scorrere verso l’alto con il dito facendo scivolare via il video in riproduzione per accogliere, dal basso, la successiva traccia proposta dall’algoritmo con la relativa clip. Il processo può ripetersi all’infinito, mentre per aggiungere un pezzo ai preferiti basta premere il pulsante con il simbolo del cuore che campeggia accanto alle informazioni su titolo e artista che accompagnano la schermata; premendo il pulsante con i tre puntini infine è possibile accedere alle opzioni aggiuntive sulla traccia in riproduzione. Per uscire dalla sezione Discover è sufficiente premere uno degli altri tre pulsanti che rimangono sempre disponibili in basso: Home, Cerca e Libreria.

Se per gli utenti di Spotify questa nuova funzione offrirà una nuova e divertente esperienza di ascolto, personalmente non penso che ai musicisti possa offrire vantaggi particolari, non a tutti comunque.

Si tratta infatti di una di quelle funzioni che nei social generano comportamenti compulsivi e ripetitivi, che portano ad un basso tasso di attenzione. Di questo potrebbe avvantaggiarsi tutta quella musica leggera, anzi leggerissima, quella dai ritmi semplici e dalle melodie  facili e accattivanti. Di certo, lavori più complessi e strutturati, difficilmente riusciranno trovare i loro giusti meriti con questo sistema di presentazione.

Sono forse un po’ troppo pessimista?

Se non altro si evidenzia l’importanza per ogni artista di reclamare il proprio profilo Spotify per poter arricchire ogni uscita con un Canvas adeguato che, con questa evoluzione della app di streaming, si rivela strategicamente importante a far emergere le proprie produzioni nell’enorme catalogo di Spotify.


Le 42 leggi universali del digital carisma: La fusione tra vita digitale e reale è il futuro della comunicazione

di Rudy Bandiera
Acquistalo su Amazon https://amzn.to/3Nnt6bf

Si è sempre erroneamente sostenuto che la vita reale e la vita digitale siano distinte, generando errori semantici più volte perpetrati dai media quali “il popolo della Rete”, come se offline il popolo fosse un altro! La verità è diversa: la vita reale e la vita digitale sono due facce della stessa medaglia, anzi sono la stessa faccia della stessa medaglia, ormai talmente fuse in un unico plasma che si potrebbero immaginare come due liquidi di diverso colore lasciati liberi di miscelarsi in un nuovo cromatismo, non più separati ma uniti, amalgamati. Si è sempre parlato di personal branding abbinato alla personalità online e di carisma associato a una tipologia di personalità offline ma, se on e off sono saldati, allora lo saranno anche personal branding e carisma. Il carisma è qualcosa che può essere coltivato anche in ambito digital ovvero anche in non-presenza, dove non occorre la fisicità. Sì, per la prima volta nella storia siamo di fronte a un nuovo modo di approcciarci alla realtà: attraverso la vita reale (VR) e la vita digitale (VD).
Acquistalo su Amazon https://amzn.to/3Nnt6bf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *